domenica 31 maggio 2020

CHE IL MINISTRO PER GLI AFFARI REGIONALI FRANCESCO BOCCIA DEFINISCA IL PASSAPORTO SANITARIO "ANTICOSTITUZIONALE" FA COMPRENDERE FINO A CHE PUNTO GLI ESPONENTI DI QUESTO FALLIMENTARE  GOVERNO GOLPISTA CONTE/BIS SIANO DOTATI DI FACCIA TOSTA. PROPRIO LORO CHE HANNO TOTALMENTE CALPESTATO I 139 ARTICOLI DELLA COSTITUZIONE, STRAVOLOGENDONE FORMA E CONTENUTI, PARLANO DI ANTICOSTITUZIONALITA'.
Inoltre Boccia, sì proprio quello dei 60mila miliziani-delatori assistenti civici, fa una strana affermazione che dimostra una sudditanza politica, psicologica a dir poco inspiegabile nei confronti del comitato tecnico scientifico: "e poi se gli scienziati dicono che non ci sono passaporti sanitari, non ci sono". Perchè, ci chiediamo noi, gli scienziati hanno la capacità giuridica e politica per affermare che i passaporti sanitari non ci sono? In base a quale articolo della Carta costituzionale gli scienziati decidono al posto dell'esecutivo e di tutti gli altri organi previsti dall'ordinamento della Repubblica? Peraltro su questioni così delicate come la libertà di circolazione (art.16 Cost. e art.2, prot.4 della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo)? Non sembra che il giornale unico del virus, cioè il mainstream, abbia mosso qualche obiezione in merito a tale rivelatoria e gravissima dichiarazione di Boccia che, molto amabilmente quanto ipocritamente, cita il vertice della gerarchia delle fonti nell'ordinamento giuridico della Repubblica. Per l'esecutivo la Costituzione va citata o a sproposito, stravolgendola, come è stato fatto in tutti i provvedienti presi durante l'emergenza sanitaria (vedi i famigerati e illegittimi Dpcm) oppure quando fa comodo come nel caso della proposta da parte di alcune Regioni di istituire passaporti sanitari. D'altra parte ormai appare chiaro che al Comitato tecnico scientifico interessa, prioritariamente, solo l'implementazione massiva del 5G, la diffusione dell'App di controllo Immuni, l'imposizione, manu militari, del distanziamento sociale nonchè la realizzazione del piano vaccinale europeo e globale; per questa ragione ogni altro aspetto della vita degli italiani passa in ultimo piano, anzi non viene nemmeno preso in considerazione. Un cinismo mai registrato nella storia politica ed economica del Paese e che denota l'esistenza di conflitti d'interesse non sanabili e pericolosi per la sicurezza nazionale. 

di Antonio Tortora

Tratto da: internapoli.it
C'è poi un'altra perla di saggezza che desideriamo sottolineare e riguarda quanto affermato dal Ministro degli Esteri Luigi Di Maio e riportato dall'Ansa: "In questi giorni ne ho sentite davvero tante sull'Italia. Non mi sembra il momento di fare polemiche, ma una cosa voglio dirla chiaramente: esigiamo rispetto. Se qualcuno pensa di trattarci come un lazzaretto allora sappia che non resteremo immobili". Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri a proposito della riapertura dei confini. "Serve una risposta europea perché se si agisce in maniera diversa e scomposta viene meno lo spirito Ue. E crolla l'Europa". 
Abbiamo avuto l'ulteriore riconferma del fatto che Facebook sia diventato, per il ministro, il canale istituzionale cui affidare ogni comunicazione istituzionale nonchè ogni esternazione; il che appare non dignitoso e fuori luogo rispetto ai nostri cugini europei che, in prevalenza, affidano al controverso e infantile social solo agli sfoghi adolescenziali. Abbiamo appurato che il resto dell'Europa ritiene l'Italia un lazzaretto e nel contempo ci chiediamo perchè il nostro Paese non dovrebbe essere ritenuto tale visto che il Governo ha irresponsabilmente messo in quarantena tutta la penisola, isole e atolli compresi, quando l'ecatombe si è verificata, per motivi tutti da chiarire, solo in Lombardia? Riteniamo normale e comprensibile che il resto d'Europa e del mondo ritenga l'intera Italia un luogo pericolosissimo, e non solo per motivi epidemici, visto che i nostri governanti non hanno fatto niente per affrontare la situazione emergenziale, sempre tutta da chiarire, e che quel poco che è stato tardivamente improvvisato ha aggravato, in maniera esponenziale, lo stato delle cose generando solo morte e allarme; hanno mostrato una totale incompetenza; hanno affidato l'emergenza a una pletora di virologi tromboni-influencer e a comitati inutili, abusivi e di dubbia preparazione; hanno abolito lo stato di diritto con la drammatica conseguenza di creare un contesto di incertezza e di insicurezza lesivo e pericoloso per la eventuale presenza di cittadini stranieri. 
Un territorio in quarantena, con l'aggravante di una democrazia in quarantena, non potrà che  provocare forti ripercussioni psicologiche su chiunque decidesse di mettere piede sull'italico suolo per sobbarcarsi i gravosi effetti di una dittatura terapeutico-sanitaria supportata da ripetitivi e prolissi decreti e da protocolli realizzati per impedire qualsiasi movimento e qualsiasi attività. Uno straniero in Italia, allo stato attuale, per capire cosa può fare e dove si può muovere sarebbe costretto, inopportunamente, ad assoggettarsi ai "noi consentiamo....", "noi permettiamo.....", "noi concediamo....." del poliziesco caudillo Giuseppe Conte. In Campania poi, dulcis in fundo, il turista dovrebbe assoggettarsi alle minacce social e a i tracciamenti telefonici previsti dal satrapo Vincenzo De Luca correndo il serio rischio di essere bruciato da lanciafiamme, sempre carichi e fumanti, magari su qualche spiaggetta della Costiera Sorrentina e con l'accusa di aver compiuto il grave reato di "assembramento". Grazie a questi geni della cosa pubblica riteniamo che, almeno per il momento, "voluptuaria similesve, non obstante fontem opum, in Italia mortuus est" e parliamo del turimo e cioè di una delle più grandi risorse del Paese. 
E per offrire un'uteriore dato di consapevolezza al lettore vorremmo ricordare il piano traumatico di Vittorio Colao per la Fase 2, proprio quello maturato nella task force che ha determinato il cortocircuito della politica italiana (un vero e proprio governo ombra o deep state che opera con il "favore delle tenebre") per intenderci. Pare che la maggioranza dei fondi per lo sviluppo verranno utilizzati, quasi esclusivamente, per finanziare le industrie innovative e 4.0 e cioè quelle che tendono alla quasi totale automazione. Questo sta a significare che lo Stato italiano, non provvedendo a finanziamenti a fondo perduto e a tagli fiscali, prevede  l'indiscriminata liquidazione di centinaia di migliaia di piccole e medie imprese, accompagnata dalle nuove e più snelle procedure fallimentari che serviranno a gestire un numero di fallimenti mai visti prima e in un lasso di tempo così drammaticamente breve. Una spietata road map che anticipa venti di guerra economica con risvolti sociali. Con aziende destinate a essere cedute dai loro creatori; obbligate a procedere alla loro fusione nell'ultimo e forse vano tentativo di sopravvivere su mercati sempre più spietati nonchè costrette alla liquidazione di interi patrimoni familiari e cooperativi già in crisi strutturale da almeno un decennio. Uniche beneficiarie di questo scempio saranno quelle aziende italiane "innovative" e altamente meccanizzate o robotizzate di certo più gradite ai tecnocrati assunti da Conte. Artigianato Kaputt. Questo il sintetico contenuto del programma della task force colaiana che, dal caudillo Conte, ha ricevuto il cinico incarico di operare in qualità di sicario dell'economia nazionale; nel frattempo alcune aziende europee già assaporano il momento in cui finiranno di divorare ciò che resta del sistema industriale italiano. I cento decantati progetti e i 20 obiettivi per rilanciare l'Italia, favorendo demagogicamente solo i giovani visto che moltissimi vecchi sono già morti grazie alla misteriosa e provvidenziale emergenza sanitaria e i cinquantenni sono abbastanza disorientati da non capirci più niente, sono tutti gestiti in smartworking dalla residenza londinese di Vittorio Colao. Mirabile esempio di passaggio, di certo non indolore, da un regime democratico a un regime telefonico e Colao non poteva fare altro visto che ha amministrato, per tanto tempo,  il gigante della telefonia Vodafone. Gli italiani per Vittorio Colao non esistono come popolo che ha una sua peculiare storia bensì come laboratorio dove sperimentare 5G senza test e studi preliminari; dove rendere necessarie le connessioni Internet superveloci; dove imporre per legge strumenti moderni, e non solo gli smartphone, a tutti i membri della famiglia, bambini compresi vista la disumanizzazione della didattica digitale; dove costringere tutti all'utilizzo di infrastrutture tecnologiche e "smart" per trasformare, a causa della volontà di pochi fanatici, il mondo vivo e variegato in una struttura ad alveare, asettica e supercontrollata con il relativo annichilimento di ogni forma di creatività. Di tutte le riunioni dei tecnici e degli esperti di comitati e task force, avvenute in questi mesi non si sa nulla per cui risulta, lo diciamo da professionisti dell'informazione, una gravissima limitazione al diritto fondamentale all'informazione e alla trasparenza aggravata dalla sospensione, per quanto riguarda gli atti amministrativi, del Freedom Information Act - FOIA e dei diritti di accesso ai dati e ai documenti prevista dalla normativa vigente. Questo è solo uno dei numerosi diritti costituzionali sospesi dal Governo con il pretesto dell'epidemia e costituisce anche uno dei motivi per cui il rapporto fiduciario tra cittadino e pubblica amministrazione, concretizzatosi in forme di democrazia partecipativa, viene irreparabilmente leso. Non resta che augurarsi che comitati e task force nati dal nulla e anticostituzionali, che questo Presidente del Consiglio non eletto da nessuno e i responsabili di alcune Regioni che approfittano dei drammi dei loro concittadini per aumentare il proprio potere e per alimentare perenni campagne elettorali, scompaiano nei bui recessi della storia politica di questo Paese che sta pagando e ancora pagherà, a nostro avviso, un tributo di morte e di devastazione economica inaudito.

 


http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=85699.
https://www.lastampa.it/politica/2020/05/28/news/boccia-passaporto-sanitario-e-contro-la-costituzione-1.38899552.
https://www.senato.it/documenti/repository/istituzione/costituzione.pdf.
https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2020/05/30/di-maio-non-siamo-un-lazzaretto-esigiamo-rispetto_e01b4c57-6a45-44c5-83a5-181dda2f5062.html.
https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/22944332/luigi-di-maio-come-salvini-chiusi-confini-lazzaretto-italia-crolla-europa.html.
https://www.ilsussidiario.net/news/commissione-colao-tutte-le-incognite-sui-veri-poteri-di-uno-strano-governo-bis/2010183/.
https://www.ilsussidiario.net/news/commissione-colao-tutte-le-incognite-sui-veri-poteri-di-uno-strano-governo-bis/2010183/.
https://tg24.sky.it/politica/2020/05/28/fase-2-colao.
https://www.quotidianodelsud.it/laltravocedellitalia/palazzo/politica/2020/05/17/lanticamera-di-colao-il-capo-della-task-force-a-fine-corsa-non-ho-niente-da-dirle-buona-domenica/.
https://www.corriere.it/economia/lavoro/20_aprile_12/ecco-squadra-colao-far-ripartire-paese-fase-2-9ad74558-7c8c-11ea-9e96-ac81f1df708a.shtml.







 






venerdì 29 maggio 2020

R= [1-(1-a2)f]R0
QUESTA E' LA FORMULA TEORICA SU CUI SI BASA IL DISTANZIAMENTO SOCIALE CHE, NEL CASO QUALCUNO NON LO AVESSE ANCORA COMPRESO, COSTITUISCE GIA' DI FATTO IL PARAMETRO CON CUI OGNI RAPPORTO DI VICINANZA NATURALE E ANTROPOLOGICAMENTE CONSOLIDATO DA INNUMEREVOLI GENERAZIONI, E' ORA VIETATO PER LEGGE. TUTTO CIO' INDIPENDENTEMENTE DALLA EMERGENZA SANITARIA CHE E' DA RITENERE UN PERICOLOSO PRETESTO PER RIMODULARE I RAPPORTI UMANI NELLA LORO COMPLESSITA'.
"WE'RE NOT GOING BACK TO NORMAL" E CIOE' "NON TORNEREMO PIU' ALLA NORMALITA'" SEMBRA ESSERE DIVENTATO L'OSSESSIVO MANTRA CHE INQUIETA MILIONI DI ITALIANI DAL MARZO SCORSO. E CIOE' DA QUANDO ALCUNI RICERCATORI DEL MASSACHUSETTS INSTITUTE OF TECHNOLOGY LO HANNO RILANCIATO ATTRAVERSO I MEDIA MAINSTREAM CHE HANNO DECISO DI AFFIANCARE LE NUOVE FORME DI GOVERNO AUTORITARIO E ANTIDEMOCRATICO. QUESTI GOVERNI, DA TEMPO, CERCAVANO IL MOMENTO OPPORTUNO PER USCIRE ALLO SCOPERTO AL FINE DI INSTAURARE LO STATO DI POLIZIA IN CUI L'ITALIA E ALTRI PAESI SONO PRECIPITATI NEL GIRO DI UN BREVISSIMO LASSO TEMPORALE OVVERO DALL'OGGI AL DOMANI. IL M.I.T. SI E' RIFATTO A UN RAPPORTO PRESENTATO DALL'IMPERIAL COLLEGE DI LONDRA CHE, SEMPRE NEL MARZO SCORSO, ELABORO' PREVISIONI CATASTROFICHE PER L'ITALIA CHE, FORTUNATAMENTE, NON SI SONO AVVERATE; DUNQUE UN CLAMOROSO ERRORE DA PARTE DI UNA ISTITUZIONE ACCADEMICA CHE ANCORA INCIDE, IN MANIERA INACCETTABILE E PER OSCURI MOTIVI, SULLA NOSTRA VITA. NEIL FERGUSON CAPO DELLA SQUADRA DELL'IMPERIAL COLLEGE, CON I SUOI MODELLI MATEMATICI IRREALISTICI ED ECCESSIVI, HA FATTO UNA VERA FIGURACCIA OFFRENDO L'ALIBI NECESSARIO, AL NOSTRO FALLIMENTARE GOVERNO, PER REALIZZARE UNA DITTATURA SANITARIA DI CUI NOI ITALIANI SIAMO DIVENTATI VITTIME E UNO STATO TERAPEUTICO DOVE LE TERAPIE EFFICACI VENGONO COMBATTUTE E DEFINITE "FALSA SCIENZA" E "FAKE NEWS" MENTRE LE TERAPIE SBAGLIATE DIVENTANO OBBLIGATORIE PER LEGGE. GENOCIDIO DI ANZIANI IN LOMBARDIA DOCET.
 

Tratto da: www.macitynet

Per chi ha rudimenti antropologici ci piace ricordare una teoria, ben suffragata dagli studi etnologici, che di qui a breve caratterizzerà la vita degli italiani e cioè il concetto di disidentità ovvero, come affermava il philosophe Claude Levì Strauss, quel disorientamento che colpiva ogni individuo che veniva espulso dalla tribù di appartenenza e che, invariabilmente, lo portava a una morte precoce. Una morte solitaria, non per fame o per sete, ma per disidentità, un termine con cui i teorici genocidiari del "distanziamento sociale", ci obbligheranno a fare i conti in quanto non sapremo più chi siamo. In tal caso nessuno apparentemente verrà espulso dalla tribù italica ma tutti, tranne quelli che manterranno il senso di communitas, tenderanno ad autoescludersi e ad allontanare rovinosamente gli altri. Il surrogato rapporto mediatico, digitale e cibernetico, tanto decantato come la panacea di tutti i mali e così caro ai fanatici del solo sviluppo tecnologico, non farà altro che contribuire alla disumanizzazione di masse monadiche (Leibniz) e zombificate. Qui abbiamo a che fare con un vero e proprio modello sociale che sta cominciando a implementare i comportamenti di centinaia di popoli e che viene imposto per legge; ma le sue origini, per chi non conosce l'attività del Deep State e del Back Office del potere, sono oscure e indecifrabili. L'Italia, e non poteva essere altrimenti a causa di un popolo abbrutito dall'intrattenimento mediatico e totalmente inconsapevole del proprio destino, è capofila di un esperimento psicosociale su vasta scala che trova le sue radici scientifiche in una serie di esperimenti maturati lungo tutto il '900. Ci riferiamo all'esperimento dello psicologo turco Muzafer Sherif basato sugli inganni visivi e il conformismo di gruppo; all'esperimento dello psicologo polacco Solomon Asch basato sulle modifiche comportamentali nei gruppi umani; all'esperimento dello psicologo statunitense Stanley Milgram basato su ordini, impartiti da uno scienziato, che confliggevano con l'etica e la morale. Un pò come accade a nostro avviso, con i comitati tecnico-scientifici e le task force creati dal governo italiano e dagli enti locali; una sorta di "Italian-Milgram Experiment" nel nostro caso concertato, con largo anticipo, in qualche altra parte del mondo. Quest'ultimo esperimento fu talmente efficace che fece affermare allo stesso Milgram, in Obedience to Authority; An Experimental View del 1974: " È possibile che Eichmann e i suoi milioni di complici stessero semplicemente eseguendo degli ordini?" Il che non è da escludere se si accettano i numerosi studi scientifici che hanno tentato di spiegare i campi di concentramento nazisti. Perchè no; ci sembra che il mix di esperimenti psico-sociali citati possano caratterizzare quanto sta accadendo nel nostro Paese all'insaputa degli italiani, del Parlamento e di una parte dei vertici governativi repubblicani. La ricercatrice e giurista Solange Manfredi ha ben chiarito, a suo tempo, le tecniche di guerra psicologica impiegate dai governi nel suo volume "PSYOPS Psycological Operation - 70 anni di manipolazione psicologica in Italia" dove ipotizza e rigorosamente documenta che il campo di battaglia è ovunque e il target principale siamo noi, gli italiani. 
Ora, tutti siamo angosciati e consapevoli che il nostro modo di vivere è irrimediabilmente stravolto da un qualcosa di artificiale, da un pensiero polarizzato che, per la prima volta nella storia, affligge un intero popolo con bollettini sanitari ossessivi e una cronaca medico-virologica asfissiante che riduce l'orizzonte mentale delle persone schiacciate tra la narrazione della catastrofe e una subdola cultura del controllo che emerge dai bassifondi di ideologie securitarie che in molti credevano, erroneamente, relegate in un passato distopico-dispotico che non intende abbandonarci. Chi ha creduto ciecamente alla ignobile regia pandemico-mediatica, nonostante i numeri irrisori dei morti (quelli veri certificati dall'Istituto Superiore di Sanità) e non quelli superficialmente conteggiati nelle immancabili e puntuali conferenze stampa di una protezione civile che protegge solo sè stessa, ripetto ai milioni di morti che una vera pandemia avrebbe dovuto provocare, non ha avuto la capacità di trasformarsi in avanguardia critica al fine di individuare tutti gli errori, le omissioni, le nefandezze e le responsabilità spaventose, soprattutto politiche, di una gestione emergenziale che non può e non deve avere scusanti. La Commissione d'inchiesta del Consiglio regionale della Lombardia, recentemente istituita, non produrrà alcun effetto in quanto frutto di accordi partitocratici e correntizi; si tratta di panni sporchissimi che verranno lavati in famiglia con buona pace dei familiari delle migliaia di morti per una malasanità che, nel nostro Paese, non ha mai smesso di uccidere. Quello che forse occorreva era una Commissione indipendente, estranea alla Regione Lombardia, magari composta da quei parlamentari che dovrebbero rappresentare il popolo e che, di recente, non sembrano molto preoccupati degli stravolgimenti costituzionali e della tragedia che si è abbattuta sull'Italia. In compenso recitano le solite grottesche sceneggiate accordandosi sotterraneamente con il governo e con le lobbies vaccinocratiche (Bill Gates e Company) e tecnologiche (Apple e Google coinvolte nell'affaire Immuni) che perseguono l'unico e agognato fine del controllo globale. la "potenza di fuoco" con cui Giuseppe Conte incanta gli allocchi non è quella economica che dovrebbe servire a risollevare le sorti del Paese bensì è quella di un potenziale offensivo inimmaginabile che lo Stato ha scaricato in un'unica salva di cannone, da un giorno all'altro, su un nemico che non può più avere fiducia nelle istituzioni: il popolo italiano. Da un lato il terrore dell'infezione instillato sapientemente da media prezzolati e da virologi influencer, a tratti pagliacci e a tratti commedianti, e dall'altro la incredula paura di sproporzionate sanzioni economiche, di ingiuste denunce penali, di una violenza fisica e morale di check point strategicamente allestiti in un gigantesco lager peninsulare; ed infine la segregazione tra le mura domestiche che ha fatto sentire ad ogni italiano l'umiliazione di essere braccato con un accanimento di cui gli attuali governanti dovranno, presto o tardi, assumersene la responsabilità. Una vera porcheria rispetto alla quale chi indulge e chi giustifica è complice di quella che può e deve essere definita una demolizione controllata del tessuto sociale



Massive Contact Tracking with Phone   Tratto da: in.finance.yahoo.com

"I do not believe that a nation dies save save by suicide" (G.K.Chesterton)

"Non credo che una nazione possa morire se non per suicidio" suggerisce lo scrittore britannico Chesterton e noi pensiamo, guardando i volti sconvolti della gente, che tutto quanto ritenevamo "sociale" si è dissolto, contraddicendo l'ideale aristotelico che "l'uomo è un animale sociale" (Politica), e ha lasciato nelle foreste urbane e suburbane un animale sofferente riconfigurato come in un primate ingabbiato, incattivito, incapace di adattarsi al nuovo paradigma e, in tal senso, dipendente da un padrone, mentitore seriale, che ha divorato anche le residue libertà collettive e individuali. Un suicidio-omicidio perfetto, diremo da manuale implementato dalla propaganda mediatica e da raffinatissime tecniche di guerra psicologica. In nome della salute, minacciata da un comunissimo e blando virus (Tarro, Montagnier, Gismondo e altri), gli italiani sono stati condannati a mali psichici dovuti all'isolamento familiare, alla segregazione domestica, alla disoccupazione forzata, all'elemosina di Stato, alla delazione e al controllo autocertificativo nonchè a mali fisici accentuati dal divieto di accedere ai servizi sanitari anche per i pazienti patologici e gravi. Un vero piano genocidiario che non può essere definito altrimenti. L'unico filo cui aggrapparsi per mantenere una qualche specie di rapporto con il resto del mondo è stato rappresentato dal telefonino la cui indispensabilità si è trasformata in smaterializzazione dei rapporti umani e in tracciamento digitale ossessivo-compulsivo. Un feroce attacco alle stesse origini delle comunità umane è stato condotto da una macchina bellico-poliziesca che tenta, giorno dopo giorno (Segregazione, Fase 1, Fase 2, Fase 3 etc.) di scardinare il concetto che Elias Canetti, in Massa e Potere, ha così esposto: "L'uomo, fin dalle sue origini, volle essere in maggior numero" volendo sottolineare l'importanza naturale e spontanea dell'istinto di aggregazione. A tal proposito potremmo citare il pensiero di Robert Musil, di Ernst Junger, di Jacques Monod, di Albert Einstein e di Karl Popper ma sarà sufficiente riportare l'illuminante e definitivo concetto di Johann Gottlieb Fichte: "L'uomo ha la missione di vivere in società; se isolato non è un uomo intero e completo, anzi contraddice sè stesso". Appare ovvio che i tecnocrati contiani, piddini e pentastellati non abbiano la più pallida idea dei contenuti testè riportati e, infatti, clamorosamente si sono affidati alla "scienza" e a quegli "esperti" che brancolano nel buio circa le origini di questo nuovo virus; che sono ferocemente divisi su tutto e che si fanno la guerra a colpi di follower digitali e di fan televisivi; che danno luogo a preoccupanti e non più occultabili conflitti d'interesse; che sono diventati influencers alla ricerca di una buona followership (proselitismo). Tromboni mediatici, arrogantemente presuntuosi, vanagloriosi, insolenti nei confronti di chi non la pensa come loro e pure ignoranti visto l'altissimo grado di contraddittorietà presente nelle loro infondate teorie che cambiano mese dopo mese, settimana dopo settimana, giorno dopo giorno; alla faccia della immutabilità sacra della scienza, questi soggetti pur di non finire sul rogo, di bruniana memoria, rinnegherebbero sè stessi senza pensarci due volte. Guarda caso i tecnocrati hanno scelto proprio i virologi e gli epidemiologi che hanno opinioni scientifiche politicamente corrette e che quindi sono funzionali al sistema di governo laddove ogni dibattito è impedito, ogni partecipazione democratica risulta vietata (vedi l'gnobile programma-soliloquio del duo Fazio-Burioni su Rai3) e la trasparenza va a farsi benedire. Il comune cittadino (che però detiene la sovranità costituzionale) è obbligato a perseguire obiettivi già stabiliti dai decisori inevitabilmente e necessariamente. Una follia a senso unico che fa riflettere sulla manipolazione dell'opinione pubblica bombardata da innumerevoli dettagli che hanno lo scopo di confondere le menti e di nascondere il quadro generale. Ad esempio nelle ultime settimane abbiamo assistito a numerose manifestazioni pacifiche e ordinate, dunque legittime, che vengono fatte apparire dai media come pericolose per l'ordine pubblico (concetto caro al giornale unico del virus) a causa, magari, di un unico soggetto che è stato intemperante. Ad esempio i mattatoi lombardi e bergamaschi, con le spaventose immagini mortuarie che tutti abbiamo visto, sono stati strumentalmente utilizzati dal governo per dichiarare la quarantena dell'intera penisola, provvedimento criminale e assurdo, anche delle zone dove non è accaduto nulla di ciò che i profeti di sventura avevano previsto. E intanto che ci aggiriamo per le vie delle nostre città e delle nostre contrade con tanto di mascherina-museruola-mordacchia-feticcio, respirando la nostra stessa fetida anidride carbonica, a causa del tardivo ma redditizio nuovo business governativo (Pivetti, moglie di Sileri, Arcuri, Protezione Civile, Farmacie etc) ci obbligano, con il pretesto pandemico, a un distanziamento sociale che dovremo con ogni mezzo contrastare altrimenti la vita non sarà più vita e tutto, ma proprio tutto, sarà controllato e tracciato dagli apparati digitali e dai cani robot e dai droni come già sta massivamente accadendo a Singapore. L'olocausto dei valori umani maturati con il tempo e dei diritti giuridici fino a ieri incomprimibili ci è stato servito su un piatto sanitario e la cinesizzazione del controllo digitale e poliziesco di massa può, in qualunque momento e con qualsiasi pretesto, tornare a rinchiuderci tra la cucina e il bagno che, simbolicamente, hanno rappresentato la durezza segregativa di una cattività ridotta alla pura essenza i cui effetti reali e drammatici non sono ancora noti e ci hanno piegato nel corpo e nello spirito giacendo sotto il tallone punitivo delle milizie al soldo dei decisori e sotto l'analisi algoritmica dei comitati tecnico-scientifici composti da gente che vive il puro delirio di onnipotenza tecno-scientifica come se fosse un vivere normale. E' il momento di non distanziarci per non cadere nella trappola mortale dell'isolamento, un buco nero cui è saggio non avvicinarsi troppo per non esserne risucchiati. Vogliamo rimanere umani conservando il nostro spazio vitale (lebensraum), vogliamo conservare la capacità di muoverci liberamente ed eventualmente di scegliere i nostri momenti di raccoglimento oppure desideriamo diventare cose-oggetti da sistemare su una polverosa mensola dove moriremo in fissità e solitudine sotto gli occhi di una telecamera sempre accesa?


Cani robot a Singapore per il controllo del distanziamento sociale. Tratto da: www.repubblica.it


https://www.macitynet.it/italiani-assediati-in-casa-i-dati-google-mostrano-il-distanziamento-sociale-in-italia-e-nel-mondo/.
https://ilmanifesto.it/distanziamento-sociale-dalla-democrazia/ .
http://www.unife.it/letterefilosofia/comunicazione/insegnamenti/psicologia_sociale_comunicazioni_massa/materiale_didattico/materiale-didattico-2012-13/cap-7-conformismo.
 http://www.treccani.it/enciclopedia/muzafer-sherif/.
https://www.ipermind.com/esperimento-di-asch/.
https://www.simplypsychology.org/asch-conformity.html.
https://www.reccom.org/2019/06/23/lesperimento-di-milgram-lobbedienza-allautorita/.
https://auralcrave.com/2018/10/24/lesperimento-di-milgram-la-spiegazione-scientifica-del-male/
https://www.demenzemedicinagenerale.net/pdf/MilgramOriginalWork.pdf
http://solangemanfredi.blogspot.com/.
https://www.youtube.com/watch?time_continue=612&v=I3PBoe65CtU&feature=emb_logo Video di Solange Manfredi (qualche esempio di operazioni di disinformazione che hanno avuto successo grazie all’”effetto valanga”, ossia grazie all'indispensabile contributo dei disinformatori inconsapevoli).
https://www.youtube.com/watch?time_continue=1302&v=Gw8Xuj0kKuw&feature=emb_logo Video di Solange Manfredi (quello che maggiormente preoccupa oggi sono i disinformatori inconsapevoli che permettono agli operatori di guerra psicologica di raggiungere i loro obiettivi). Coronavirus e guerra psicologica. I disinformatori, e come fermarli).

martedì 26 maggio 2020

NELLA MORSA........
ITALIANI IN OSTAGGIO E GOVERNATI DA UN ESECUTIVO PARANOICO E IN MALAFEDE CHE NON HA IDEA DI COSA SIA UN POPOLO DI UOMINI E NON DI MACCHINE DA ACCENDERE O SPEGNERE A PIACIMENTO E CHE NON HA IDEA DI COSA SIA UNA NAZIONE GOVERNATA DA PRINCIPI GIURIDICI COSTITUZIONALI E NON DA DPCM INCOERENTI, RIPETITIVI E SOPRATTUTTO ILLEGITTIMI. ITALIANI IN OSTAGGIO DI ENTI LOCALI PRESIEDUTI DA SATRAPI, REGIONALI E COMUNALI CHE, DRAMMATICAMENTE, CREDONO DI ESSERE INVESTITI DI POTERI ILLIMITATI E CHE NON HANNO ALCUN RISPETTO PER I CITTADINI; E CHE INOLTRE, IN  MISURA SEMPRE PIU' INTOLLERABILE, USANO TONI MINACCIOSI E INCONCEPIBILI IN UNO STATO DI DIRITTO.
 di Antonio Tortora

 Tratto da: www.ilcorrieredelgiorno.it
Mentre l'art.1 della Costituzione recita: "La sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione" il Governo presieduto dall'avvocato dei poteri forti Giuseppe Conte e alcuni presidenti di Regione, come Vincenzo De Luca, non fanno altro che calpestare, con ferocia inaudita e mai vista prima, molti principi repubblicani contenuti nella Carta costituzionale e le Leggi dello Stato. Ciò avviene nel silenzio assordante e inspiegabile della Corte Costituzionale salvo un unico ma risoluto intervento della Presidente Marta Cartabia; del Parlamento ormai ridotto a vuoto orpello formalistico, attivo solo nel ratificare decisioni prese, con dubbie procedure, in via amministrativa nonchè nelle beghe interne scatenate tra maggioranza e finte opposizioni a mero scopo mediatico; ancora più grave il silenzio del Presidente della Repubblica Mattarella che, nello svolgere il delicatissimo ruolo di garante della Costituzione, potrebbe facilmente e in pochissimo tempo, ristabilire il giusto equilibrio tra un governo in preda a pericolosi comportamenti autoritari e cittadini trasformati in sudditi ormai stremati da nove settimane di arresti domiciliari di massa.

Paranoia governativa e controllo di massa. Tratto da: www.lrpsicologia.it
Il virus influenzale SARS-CoV-2, che tutto sommato non ha arrecato gravi danni tranne che nella testa degli italiani, sta scomparendo come previsto dal virologo Giulio Tarro e dal Nobel per la medicina Luc Montagnier e in barba a tutti i virologi di Stato, tromboni mediatici e influencer della peggiore risma nonchè profeti di sventura. Questi ultimi sono i più preziosi alleati, insieme alle task force, di un Governo fallimentare che sta cercando, in ogni modo, di prolungare la sua permanenza nella stanza dei bottoni per distruggere quello che resta del Paese e di fiaccare il morale del suo Popolo. Il prof. Isaac Ben Israel de l’Université de Tel Aviv et président du Conseil national pour la recherche et le développement, ha sostenuto che "il ciclo epidemico virale si sviluppa nell'arco di circa 70 giorni" e ha aggiunto, in un'intervista a fr.timesofisrael.com, "che la politica di blocchi e chiusure è un caso di isteria di massa; una semplice distanza sociale sarebbe sufficiente". Anche Francesco Le Foche, primario di immuno-infettivologia del Policlinico Umberto I di Roma, circa un mese fa, si definiva ottimista prevedendo un ritorno alla normalità già agli inizi di maggio e l'inutilità del vaccino come già accadde, anni fa, per la Sars che scomparve da sola. Circa i numerosissimi morti lombardi i nostri lettori sanno come la pensiamo e si spera che la magistratura apra un'inchiesta sulle responsabilità del governo, delle Regioni (non solo di quella lombarda) e della malasanità che non è mai scomparsa del tutto e che anzi si rafforza sempre più). 
Nonostante non ci sia più nessuna epidemia, ammesso che ci sia stata, il ministro per gli affari regionali Francesco Boccia, dopo aver minacciato di non riaprire i confini delle Regioni, si è inventato l'assunzione di 60.000 guardie civiche, stile partito comunista cinese o russo-staliniano, per controllare i comportamenti degli italiani come se non bastassero le centinaia di migliaia di poliziotti, carabinieri, finanzieri, municipali, locali e metropolitani a perseguitare gli italiani senza alcuna ragione e solo con un feroce e inqualificabile intento punitivo prestandosi, pare molto volentieri, a trasformarsi nel braccio armato e violento di un vero e proprio stato di polizia. Insopportabile la loro presenza intimidatoria nei confronti di cittadini rei di voler continuare a vivere liberamente così come garantito dalla Costituzione (di cui più nessuno sembra ricordarne l'esistenza) e dalle Leggi dello Stato e altrettanto insopportabile la loro pervicacia nell'elevare multe, non tanto ai cittadini in movimento, quanto agli esercenti, ai commercianti e ai ristoratori che non hanno nemmeno avuto il tempo di riaprire, dopo un lungo e folle periodo di detenzione domestica, che già si sono ritrovati tra i piedi arroganti soggetti in uniforme (tranne le dovute eccezioni di veri professionisti) che, evidentemente, prenderanno laute percentuali sulle multe elevate o che, comunque, avranno l'obbligo "interno" di far affluire cifre enormi allo Stato, alle Regioni e ai Comuni. Altro che default; una vera manna per Stato ed enti locali; una Multocrazia. Intanto I presidenti delle Regioni che "oggi paiono preoccupate principalmente nella misurazione della popolarità dei loro presidenti, chiamati pomposamente governatori. - sostiene il costituzionalista Sabino Cassese sul Corriere della Sera di recente - Dovevano costituire la soluzione dell’annoso problema dello Stato, sono divenute esse stesse parte del problema". Noi poi che siamo campani e dobbiamo, per ora, assoggettarci alle demenziali ordinanze di Vincenzo De Luca che minaccia lanciafiamme, offende i cittadini, insegue i runner; ci obbliga a respirare la nostra stessa anidride carbonica anche con la calura estiva, calpesta i diritti costituzionali e le Leggi dello Stato; emana diktat, si affida a mentecatti per la gestione dell'emergenza e sguinzaglia poliziotti municipali maneschi e violenti contro gente indifesa, rimaniamo davvero costernati e increduli di fronte ai suoi dissennati sproloqui social che rivelano, con chiarezza, il tentativo di trasformare la plurimillenaria Campania Felix in Campania Infelix. "Il potere rende folli" diceva Marco Pannella e deforma il pensiero e i comportamenti trasformando caratterialmente il soggetto che viene in contatto con il potere in Franco, Salazar, Hitler, Mao o Stalin. Ce n'è per tutti i gusti, e se per De Luca molti campani sono "irresponsabili", "imbecilli" "doppiamente babbei" o "cafoni" (perle di saggezza di cui speriamo se ne ricordino quelli che lo hanno precedentemente votato) non ci sarà nulla di strano se qualcuno di questi ritenga il satrapo De Luca un villano, un bifolco e un maleducato. Nulla di male e del tutto legittimo nel rispondere alle offese che un uomo di Stato non dovrebbe mai proferire e che, di fatto, mai si sono sentite fino ad ora. Durante la videoconferenza stampa del 23 maggio scorso il satrapo De Luca, appena resosi conto dei problemi tecnici riguardanti  l'audio è andato via repentinamente senza rispondere a nessuna domanda; e tenendo presente che per tre mesi ha sproloquiato in interminabili e grottesche dirette Facebook, senza contraddittorio, forse avrebbe dovuto attendere il tempo necessario per la riattivazione dei collegamenti. Una mancanza assoluta di rispetto nei confronti dei giornalisti il cui presidente dell'Ordine Ottavio Lucarelli non ha mancato, giustamente, di stigmatizzare. Ecco come alcuni uomini di Stato, in degna compagnia di Giuseppe Conte (anch'egli non nuovo a comportamenti arroganti nei confronti dei giornalisti) si comportano nei confronti di chi, nei loro confronti, è stato fin troppo ossequiente e rispettoso. Per la cronaca la censura di Stato ha fatto sì che il video dell'incidente non sia più disponibile in rete. Evidentemente dovranno rimanere online soltanto i video graditi ai satrapi e ai despoti; è bene rimarcarlo nel caso qualcuno creda ancora di vivere in un Paese democratico. Si è parlato pochissimo del contenuto della videoconferenza ma il contenuto è così riportato dal Secolo d'Italia“L’eventuale apertura della mobilità interregionale all’inizio di giugno non è scontata, - dice De Luca - dovremo verificare l’andamento epidemiologico”. (di quale andamento epidemiologico si parla? Visto che le intensive si sono svuotate non ci sono più decessi nemmeno in Lombardia?) Vincenzo De Luca ha presentato in videoconferenza un “sistema di monitoraggio tramite gestori della telefonia per monitorare la mobilità, nel rispetto ovviamente della privacy”. (La privacy esiste ancora?). "In ogni caso ci stiamo preparando anche per avere un controllo abbastanza sofisticato, ma semplice, della mobilità dei cittadini e delle persone". Evidentemente l'invasiva e pericolosa App Immuni, per il satrapo De Luca, è troppo poco e ci vuole anche una tecnopsicopolizia regionale per portarsi avanti con il lavoro di controllo dei suoi "doppiamente babbei" concittadini.
Il capo del team di ricerca di Oxford Adrian Hill, con buona pace di chi vorrebbe imporre erga omnes il vaccino, contribuendo a far lievitare esponenzialmente le finanze di Bil Gates e di Big Pharma, ha dichiarato qualche giorno fa che: "il virus sta rallentando la sua catena di contagi" e pertanto "Se il virus circola a bassi livelli non permette agli scienziati di controllare l'efficacia del vaccino e i volontari troveranno difficile individuare la SARS-CoV-2 e testare l'efficacia del vaccino stesso. Un po' come accadde per la Sars che scomparve in estate rendendo inutile la ricerca di una cura". Per noi è un'ottima notizia e ce ne rallegriamo mentre per i virologi-influencers, per i governanti in mala fede, con manie securitarie, e per i media mainstream collusi con la politica dominante, sarà certamente una notizia infausta perchè il regime imposto a tutto il Paese con il terrore potrebbe rovinosamente disintegrarsi.







giovedì 21 maggio 2020

MENTRE IL GOVERNO, PRESIEDUTO DALL'AVVOCATO DEI POTERI FORTI  GIUSEPPE CONTE, ORDINA LA REPRESSIONE DI QUALSIASI TENTATIVO PACIFICO DI FAR SENTIRE LA VOCE POPOLARE, LA CENSURA DELLE OPINIONI E DELLE CRITICHE ESPRESSE ONLINE E CONTINUA A MENTIRE SULLA PRESUNTA "POTENZA DI FUOCO" ECONOMICA CHE DOVREBBE FAR RIPARTIRE L'ITALIA, IL PAESE VA IN MALORA. INTANTO I PREDATORI DELL'UNIONE EUROPEA E I SICARI DELL'ECONOMIA ATTENDONO IMPAZIENTI DI PARTECIPARE ALLA SPARTIZIONE DI QUELLO CHE RESTA DI UN PAESE CHE FINO A QUALCHE DECENNIO FA ERA LA QUARTA POTENZA MONDIALE.

Note di Antonio Tortora

CONTE, GRAZIE A ROCAMBOLESCHE ALCHIMIE POLITICHE DEL PD E DEI PENTASTELLATI E A OPPOSIZIONI CHE NON SI SONO MAI SERIAMENTE OPPOSTE, STA PER CONCLUDERE UN CICLO GIA' AVVIATO E PORTATO AVANTI DA PRODI E MONTI, DA LETTA A RENZI E A GENTILONI. TUTTA GENTE CHE E' STATA LAUTAMENTE PREMIATA PER AVER CONDOTTO L'ITALIA NEL BARATRO DEL FALLIMENTO IERI E DELLA DITTATURA OGGI. IN PRECEDENZA NON TUTTO ERA ROSA E FIORI MA ALCUNI GOVERNI EBBERO IL MERITO DI NON SVENDERE L'ITALIA E DI NON TRADIRE GLI ITALIANI INSTAURANDO, COME HA FATTO CONTE E I PARTITI CHE LO SUPPORTANO, UNO STATO DI POLIZIA.

TUTTO QUESTO (LO STATO DI POLIZIA E LO STRATEGICO DISTANZIAMENTO SOCIALE) E' NECESSARIO PER NASCONDERE LE GRAVISSIME RESPONSABILITA' DEL GOVERNO IN MERITO ALLA DISTRUZIONE DEL TESSUTO SOCIALE, ECONOMICO E ANTROPOLOGICO DEL PAESE NONCHE' PER INSABBIARE LA VERITA' SULLE MIGLIAIA DI MORTI CAUSATE DALLA OTTUSA IGNORANZA DI UN "GOVERNO DI PAGLIACCI" (CONTE E DI MAIO SONO COSI' DEFINITI DAL GEN. CARLO JEAN IN SEGUITO ALLA IGNOBILE PASSERELLA MEDIATICA A  CIAMPINO IN OCCASIONE DELL'ACCOGLIENZA DI SILVIA ROMANO). PER QUESTA RAGIONE AUSPICHIAMO INDAGINI SERIE E APPROFONDITE DA PARTE DELLA MAGISTRATURA NONCHE' UNA COMMISSIONE PARLAMENTARE D'INCHIESTA SULL'OPERATO DEL GOVERNO DURANTE L'EMERGENZA SANITARIA; SUI PROTOCOLLI MEDICI CHE HANNO CAUSATO TANTE MORTI LOMBARDE NEGLI OSPEDALI E NELLE RSA; SULLE INQUALIFICABILI MINACCE LANCIATE DA GOVERNATORI E SINDACI AI PROPRI CORREGIONARI E CONCITTADINI; SUGLI ABUSI DELLE FORZE DELL'ORDINE (VIOLENZE FISICHE E MORALI, INSEGUIMENTI, DRONI ED ELICOTTERI COMPRESI); SUI COMITATI TECNICO SCIENTIFICI E LE TASK FORCE COMPOSTE DAGLI AMICI DEGLI AMICI E SULLA PROLIFERAZIONE DI NORME, DPCM, ORDINANZE E CIRCOLARI CHE HANNO, DI FATTO, BLOCCATO PERMANENTEMENTE LA VITA CIVILE ED ECONOMICA DEL PAESE.

Giuseppe Conte, primus super pares rispetto ai suoi ectoplasmatici e inutili ministri, in versione becchino e da solo come in tutte le sue noiose dirette Fb assiste, soddisfatto del lavoro compiuto, al funerale dell'Italia e del suo popolo. (Nostra libera interpretazione della foto) Tratto da: https://www.mercurynews.com

AL PARLAMENTO IN SEDUTA COMUNE SI RICHIEDE L'IMPEACHMENT (Messa in stato di accusa) PER GIUSEPPE CONTE CON L'ACCUSA DI ALTO TRADIMENTO E ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE. UN INTERO POPOLO E' STRETTO NELLA MORSA DI UNA BUROCRAZIA ELABORATA DA GENTE SQUILIBRATA E DA PSICOPATICI CHE HANNO ANNIENTATO OGNI VITALITA' IN UN PAESE FAMOSO NEL MONDO PROPRIO PER QUESTA CAPACITA' DI VIVERE E PER LA SUA CREATIVITA'. 

Gli italiani, seppelliti da centinaia di atti del Governo, da centinaia di ordinanze regionali, da migliaia di ordinanze comunali, da estenuanti  quanto inutili e ripetitive conferenze stampa, da forze dell'ordine improvvisamente trasformate in feroci persecutori, sono esausti e increduli, e se non interverranno miracoli, cesseranno di vivere come individui e come società. I protocolli dei comitati tecnico-scientifici e delle task force rappresentano la testimonianza oggettiva del fatto che i pazzi vivono in mezzo a noi e compiono ogni sforzo per contaminare, con la loro pericolosa e inumana follia, anche i cittadini sani di mente. Devono andarsene e ritornare alle loro case (poveri congiunti - parenti), alle loro aziende (poveri dipendenti), ai loro studi professionali (poveri clienti) e alle loro università (poveri studenti), prima che il pentolone esploda.



                                                                 Ultim'ora


Il Presidente della Repubblica sventa il tentato colpo di stato e costringe il governo a togliere dal decreto il prolungamento dello stato di emergenza di altri sei mesi. Ma non è detto che Conte a giugno ci riprovi.
8:11 AM · 20 mag 2020Twitter for iPhone

Parole forti quelle di Paolo Becchi, docente universitario e attivista 'pentito' del Movimento 5 stelle che attacca senza mezzi termini il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Secondo il suo parere, l'intervento del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, avrebbe sventato il tentato golpe del premier. Il riferimento è al decreto rilancio, in particolare alla proroga di altri sei mesi dello stato d'emergenza che scadrà il prossimo 31 luglio. Prolungamento possibile che è stato cancellato per espresso volere del presidente della Repubblica. 




lunedì 18 maggio 2020

"ADESSO DOBBIAMO OSSERVARE L'INTERNO DELLE FAMIGLIE PER INDIVIDUARE I MALATI, RIMUOVERLI E ISOLARLI" (Michael Ryan - O.M.S. 12 aprile 2020). "DOBBIAMO ISOLARE PER DAVVERO LE PERSONE, DOBBIAMO ISOLARLE IN STRUTTURE APPOSITE" (Roberto Burioni - virologo - 13 aprile 2020). "ABBIAMO 1.000 POSTI IN PIU' TRA ALBERGHI E STRUTTURE PRIVATE A CUI ABBIAMO DETTO: "adesso fate quello che vi diciamo noi" E QUANDO UNO VIENE TROVATO A CASA, PERCHE' NOI ANDIAMO A SCOVARLI CASA PER CASA, ABBIAMO PIU' DI 70 UNITA' MOBILI SPECIALIZZATE CHE GIRANO IN TUTTA LA REGIONE, PROVINCIA PER PROVINCIA, PER ANDARE A CERCARE...CHI NON E' IN GRADO DI TUTELARE I PROPRI FAMILIARI O I PROPRI CONVIVENTI" (Stefano Bonaccini - Presidente Regione Emilia Romagna - 14 maggio 2020).

           Tratto dal Canale di Morris San che ringraziamo molto per l'impegno profuso.
          "VOGLIONO PORTARCI VIA I NOSTRI CARI. I CAMPI FEMA SONO PER NOI?"
 



Il 10 aprile scorso ci occupammo, con rammarico, dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che proponeva, attraverso l'intervento pubblico di Michael Ryan, Executive Director dell'OMS, la deportazione forzata dei malati di Covid-19 prelevandoli dalle loro case, sottraendoli ai loro cari per condurli in non meglio specificate strutture di raccolta (concentramento); queste affermazioni fecero allarmare e sconcertare anche il giornalista Tucker Carlson, che ebbe modo di riportare, commentandolo, il discorso di Ryan sul canale statunitense Fox News. Dobbiamo forse ritenere che il lockdown obbligatorio potrebbe essere stato concepito, alla maniera di un vero e proprio grimaldello - pretesto, per entrare anche nelle abitazioni private e quindi nel domicilio che la Costituzione italiana, all'articolo 14, ritiene "inviolabile"? Vogliamo sperare che non sia così anche se la pericolosa deriva autoritaria di una politica ferocemente tecnocratica e antiumana si sta portando molto avanti con il lavoro; e molto velocemente dobbiamo dire. A noi non sembra più di vivere in un Paese che si è sempre nutrito alle fonti del diritto romano, dell'Umanesimo e del Rinascimento e che comunque è dotato di un passato straordinario bensì ci sembra di vivere in una Italia abitata di gente narcotizzata e governata da soggetti in cui non albergano più emozioni e sentimenti come ci si dovrebbe aspettare in un Paese normale. Saranno mica demoni? Chissà! Fatto sta che questo non è più un Paese normale; tutta la nostra storia e le nostre tradizioni sono state spazzate via da un mortale colpo di spugna eterogestito i cui veri responsabili e le reali motivazioni non sono ancora noti. Conte e company sono solo gli esecutori di piani che sono stati definiti, nel dettaglio e in maniera molto sofiticata, con il "favore delle tenebre". Infatti nessuno poteva immaginare cosa sarebbe successo e quale ignobile pretesto avrebbero utilizzato per dare continuità al proprio potere e per aprire le porte al "nulla che vanza" (Michael Ende docet). Per la cronaca i governanti più rappresentativi non hanno mai smesso di dire che lo "Stato non lascia nessuno nè indietro nè solo" ma forse era una boutade perchè tutti sono stati lasciati soli grazie al "distanziamento sociale" una misura su cui ci riserviamo di esprimere tutto il nostro orrore e la sua mortale pericolosità per qualsiasi società anche per quella più malandata. Gli individui che abbiamo elencato nel titolo, Ryan, Burioni, Bonaccini, sono al corrente del fatto che non siamo più agli inizi del '900 dove i campi di concentramento (lager) e i gulag funzionavano a pieno regime? Cosa può spingere queste persone a ragionare, ad esprimersi e a dire cose così drammaticamente dure e antiumane? Forse postumane vista la tendenza del pensiero contemporaneo. Pensiamo che tali spregevoli individui non abbiano nulla di umano e che abbiano subito una vera e propria mutazione genetica; ed è possibile visto che, sempre più spesso, si parla di virus modificati. Perchè non se ne vanno in Cina, insieme ai pentastellati dimaiani e fichiani e ai piddini zingaretteschi così amanti dell'assolutismo cinese, dell'Intelligenza Artificiale, dei Robot, dei vaccini obbligatori, dei microchip quantici, delle scansioni facciali, dei certificati digitali e del maledetto controllo globale? La nuova via della seta (yī dài yī lù) potrebbe accoglierli a braccia aperte e noi staremo molto meglio, meno asfittici e più liberi dalla tirannia sanitaria e tecnologica condita da pericolosi, ma remunerativi, vaccini proposti da Grande Vaccinatore Universale Bill Gates (disinteressato vero?) e da droni che ossessivamente ti spiano dall'alto.  Potrebbero smettere di ammorbarci con le loro teorie supertecnologiche dove l'uomo non conta più niente e l'algoritmo conta tutto; dove l'istinto e la libertà sono caratteri considerati obsoleti mentre l'obbedienza assoluta e l'oppressione socio-politica rappresentano le conquiste di un futuro distopico dove regneranno le macchine? Forse vogliono aprire anche in Italia dei favolosi campi di lavoro e rieducazione come i Lao Gai  così massicciamente presenti nella tanto amata Cina? Non se ne andranno mai di sicuro; qui è una pacchia e il business sanitario e farmaceutico si fa sempre più interessante e lucroso. Sul tavolo ci sono vere e proprie finanziare multimiliardarie, bond, Mes e quant'altro; una torta tutta da gustare per questi rapaci arraffatutto compresi i precedenti governanti che, dopo una strana quarantena, tornano a farsi vivi e loquaci. L'odore dei soldi è, per loro, inconfondibile.
L'esperimento psicosociale su base medico - mediatica procede con successo. L'ipnosi prodotta da un sofisticato processo di Programmazione neuro-linguistica sta portando il Paese e un'intero popolo verso un'eutanasia volontaria e autoindotta; si tratta di un qualcosa mai accaduto in passate epoche storiche. I decisori occulti e visibili sono stati precisi come ingegneri e ingegnosi come inventori nella preparazione del tranello in cui un'intero popolo è caduto senza battere ciglio. Inoltre hanno anche risparmiato un sacco di soldi, oltre che a guadagnarne incommensurabilmente di più; si perchè mentre in passato veniva dato al popolo "panem et circenses" in epoche più recenti ci sono stati dati solo i "circenses" e, nella contemporaneità ci stanno togliendo anche il "panem". Dunque tutto torna. Ryan, Burioni e Bonaccini sono le avanguardie di un rullo compressore che annuncia ciò che accadrà o che potrebbe accadere poichè, non dobbiamo mai dimenticarlo, ogni piano, per quanto perfetto e dotato di molte costanti tutte ben calcolate, può risentire di infinite variabili. Appuntamento alla prossima intimidazione.




 
 
 

CARI CAMPANI BERRESTE LA VOSTRA URINA? MANGERESTE I VOSTRI ESCREMENTI? PRESUMIAMO CHE LA RISPOSTA A TALE QUESITO SIA NEGATIVA. BENE, ALLORA PERCHE' IL NOSTRO GOVERNATORE VINCENZO DE LUCA, AFFETTO DA DELIRIO DI ONNIPOTENZA POLITICA E DA MEDIATICA ONNIPRESENZA, VUOLE COSTRINGERCI A PORTARE ANCORA LA MASCHERINA, VISTO CHE CIO' SIGNIFICA FARCI RESPIRARE GLI SCARTI DELLA NOSTRA STESSA RESPIRAZIONE? VUOLE FORSE FARCI AMMALARE PER GIUSTIFICARE LA DITTATURA SANITARIA CHE HA FEROCEMENTE APPLICATO, IN COLLABORAZIONE CON IL GOVERNO CONTE, IN QUESTI ULTIMI MESI E IN DISPREGIO AI PRINCIPI FONDAMENTALI E AI DIRITTI DEL CITTADINO SANCITI DALLA COSTITUZIONE?
PERFINO IL REPORT SULLE RIAPERTURE ELABORATO IL 22 APRILE SCORSO DAL FAMIGERATO COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO VOLUTO DA CONTE A PAGINA 21 RIPORTA TESTUALMENTE: "CI SONO PERO' DELLE INCERTEZZE SUL VALORE DELL'EFFICACIA DELL'USO DI MASCHERINE PER LA POPOLAZIONE GENERALE DOVUTE A UNA LIMITATA EVIDENZA SCIENTIFICA, SEBBENE LE STESSE  SIANO AMPIAMENTE CONSIGLIATE". DUNQUE NON SAPPIAMO SU QUALI BASI SCIENTIFICHE SIANO STRUTTURATE LE CONVINZIONI DELLO SCERIFFO MEDIATICO DE LUCA VISTO E CONSIDERATO CHE LO STESSO CONTE IMPONE L'USO DELLE MASCHERINE SOLO AL CHIUSO E CHE GLI STESSI MEDICI-VIROLOGI MEDIATICI NE SCONSIGLIANO L'USO ED ESSI STESSI NON LE USANO.


di Antonio Tortora

Tratto da: www.iss.it

PERCHE' VINCENZO DE LUCA VUOLE IMPORCI LE MASCHERINE E MINACCIA   SANZIONI OFFENDENDO I CAMPANI OGNI GIORNO? "IRRESPONSABILI, IMBECILLI, BABBEI, CINGHIALONI" E QUANT'ALTRO. QUALCUNO DOVRA' RISPONDERGLI PER LE RIME; COME SI PERMETTE UN UOMO DELLO STATO DI FARE AFFERMAZIONI COSI' CRASSE E GROSSOLANE? DOBBIAMO AVVELENARCI CON LA NOSTRA STESSA ANIDRIDE CARBONICA? VUOLE FARCI MORIRE A CAUSA DELL'INSUFFICIENZA RESPIRATORIA IPERCAPNICA E, NEL FRATTEMPO, SVUOTARCI I PORTAFOGLI CON LE ESOSE E INGIUSTIFICATE MULTE COMMINATE DAI NEO SQUADRISTI DELLE POLIZIE MUNICIPALI CAMPANE CHE NON HANNO MANCATO DI COMPIERE ABUSI E VIOLENZE MORALI SULLA GENTE INERME COME DIMOSTRATO DA NUMEROSISSIME TESTIMONIANZE? GLI SUGGERIAMO DI BRUCIARCI TUTTI CON IL LANCIAFIAMME VISTO CHE QUESTA PARE ESSERE LA SUA MINACCIA PREFERITA.

Mascherine esaurite come gli italiani Tratto da: www.riminitoday.it

Il Ministero della Salute scriveva il 25 febbraio, ovvero in piena crisi sanitaria, "la mascherina non è necessaria per la popolazione generale in assenza di sintomi da malattie respiratorie"; il viceministro Sileri affermava: "indossarle è una stupidaggine"; Walter Ricciardi, consulente del ministro Speranza era categorico: "le mascherine per le persone sane non servono a niente". In una circolare dei Vigili del Fuoco di L'Aquila si comunicava che"cittadini e lavoratori  non dovrebbero usare mascherine con valvola (FFP2 ed FFP3) perchè rischierebbero di contagiarsi l'un l'altro" e vengono "assolutamente sconsigliate". La virologa Ilaria Capua a Di Martedì ha affermato lapidariamente: "Io non porto la mascherina e quelle con i filtri lasciamole al personale sanitario". Ancora a fine marzo, in un rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità destinato alle strutture sanitarie si ritiene "non necessario" fornire DPI ai pazienti senza sintomi respiratori e anche sulla pagine web dell'Istituto si legge: “Non è raccomandato l’utilizzo generalizzato di mascherine chirurgiche in assenza di sintomi”. La stessa Organizzazione della Sanità e l'Istituto Superiore di Sanità italiano consigliano l'uso delle mascherine solo per le persone che siano positive al Coronavirus, al fine di proteggere gli altri, oppure per chi si trovi ad avere a che fare con una persona positiva, al fine di proteggere sè stesso. Ed ancora il Centre for Diseases Control degli Stati Uniti dice, fra le sue norme comportamentali, che chi sta bene non ha necessità di usare la mascherina. "Le mascherine non sono il massimo dell'igiene dice il virologo Giulio Tarro in diverse interviste - starei attento nel loro uso, nel loro riuso e nel loro abuso. Quando arriverà il caldo sarà bene gettarle via. All'inizio di questa pandemia l'ISS ci diceva che le mascherine avrebbero dovuto usarle solo glim operatori sanitari e gli infettati; adesso la regola è cambiata - prosegue il prof.Tarro - perchè noi siamo diventati produttori diretti di mascherine. A luglio o Agosto non serviranno più". Dunque, segui la pista dei soldi e troverai tutte le risposte. Quando nel sangue aumenta l'anidride carbonica e diminuisce l'ossigeno, cosa che accade quando si indossa la mascherina sia a riposo che sotto sforzo, accade quanto riportato sul sito medico www.fibrosicisticaricerca.it.: "In realtà l’anidride carbonica (CO2) viene prodotta nei tessuti in rapporto all’entità di attività metabolica dei tessuti stessi: più c’è attività metabolica più viene consumato ossigeno (O2) e più CO2 viene prodotta (la CO2 è un gas di scarto dell’organismo). Il tessuto più soggetto a grandi variazioni di attività metabolica è il tessuto muscolare. Quando i muscoli entrano in attività, soprattutto nel movimento e quindi nello sforzo fisico, hanno bisogno di più ossigeno e producono più anidride carbonica. L’ossigeno viene fornito dall’aria che respiriamo e per compensare il bisogno di ossigeno aumenta l’attività del respiro: più intensa è l’attività muscolare, più profondi e più frequenti si fanno gli atti respiratori per consentire un grande ricambio di aria e quindi un maggior passaggio di ossigeno attraverso gli alveoli polmonari. Questa maggiore attività respiratoria serve anche a eliminare la maggiore quantità di anidride carbonica che si forma nello sforzo muscolare. In condizioni normali c’è un equilibrio tra O2 e CO2 sia nel sangue circolante che nei tessuti, in rapporto sempre all’entità di attività metabolica dei tessuti. In alcuni stati di malattia questo equilibrio può alterarsi: ad esempio nelle malattie polmonari che comportano difetto di trasporto dei gas a livello degli alveoli si può avere un difetto di passaggio di ossigeno al sangue (ipossiemia), mentre la CO2, che è 20 volte più solubile dell’O2, riesce comunque a lasciare il sangue diffondendo negli alveoli, mantenendo quindi stabile il suo livello nel sangue stesso (insufficienza respiratoria ipossiemica normocapnica); quando l’ostacolo polmonare è molto avanzato anche la CO2 fa fatica ad essere eliminata. Si ha allora l’insufficienza respiratoria ipercapnica, in cui sia l’ossigeno che l’anidride carbonica non riescono a mantenere il giusto ricambio nel sangue e nei tessuti: nel sangue diminuisce di molto l’ossigeno circolante e aumenta la CO2; i tessuti soffrono per lo scarso apporto di O2 e per l’accumulo in essi di CO2 e dell’acido carbonico che dalla CO2 deriva. In queste condizioni di patologia, anche a riposo c’è un alto consumo di O2 e un’alta produzione di CO2, anche a causa della notevole attività dei muscoli respiratori, nello sforzo di far fronte ad una situazione critica". La serietà e l'autorevolezza della fonte ci obbliga a fare una riflessione approfondita sull'obbligo di indossare la inutile e pericolosa mascherina che potrebbe creare i problemi di ipercapnia.
Per la cronaca, ma i media mainstream filogovernativi non hanno interesse a riprendere notizie politicamente scorrette, due studenti cinesi sono morti ad una settimana l’uno dall’altro mentre partecipavano agli esami obbligatori di educazione fisica mentre indossavano mascherine nella  Cina centrale. In pratica, due ragazzi di 14 anni “improvvisamente” sono crollati sulla pista di atletica della scuola e sono stati successivamente dichiarati morti nella contea di Dancheng nella provincia di Henan e nella città di Changsha nella provincia di Hunan – entrambi nella Cina centrale"; c’era il sole e la lezione di educazione fisica era nel pomeriggio quando c’erano almeno 20 gradi Celsius. A questo punto nelle scuole cinesi, dove l'uso della mascherina è obbligatorio, le preoccupazioni per la respirazione limitata degli studenti hanno portato alla cancellazione degli esami di fine corso nelle principali città portuali di Tianjin e Shanghai. Una vera follia; in Cina si può morire per legge alla stessa maniera in cui si potrebbe morire, per decreto, in Italia. E fa anche caldo con torride previsioni per l'estate che sopraggiunge; vogliono farci morire per Legge?.




Walter Ricciardi spiega, durante la conferenza stampa della Protezione Civile laddove nemmeno il commissario Borrelli la porta, l'inutilità di indossare la mascherina per la generalità della popolazione. Gli approfittatori della politica, che hanno fiutato l'immenso affare e che già hanno dato origine a numerosi e gravi scandali, hanno improvvisamente deciso di renderle obbligatorie.

https://static.fanpage.it/wp-content/uploads/2020/04/allegato790808.pdf.
https://www.lastampa.it/cronaca/2020/04/05/news/hai-sentito-l-ultima-sul-virus-le-mascherine-sono-inutili-gira-un-video-in-cui-un-virologo-dice-che-non-proteggono-1.38682188.
https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/advice-for-public/when-and-how-to-use-masks.
https://www.iss.it/documents/20126/5280557/mascherina.png/4106b48b-f94d-6caf-98c8-6086d5d5fd8a?t=1583162219565.
https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/prevent-getting-sick/prevention.html.
https://www.ildesk.it/attualita/coronavirus-il-professor-tarro-le-mascherine-non-sono-il-massimo-delligiene-quando-arrivera-il-caldo-sara-bene-gettarle-via/  (Intervista al virologo Giulio Tarro).
https://antoniotortora.blogspot.com/2020/05/la-mascherina-feticcio-simbolo-della.html. (IL GHIOTTO BUSINESS DEL MOMENTO CUI I POLITICI, GLI AMMINISTRATORI, I COMMISSARI E GLI AMICI DEGLI AMICI NON INTENDONO RINUNCIARE: MASCHERINE E CONTRATTI PER TUTTI. ANCHE QUESTA E' GESTIONE DEL POTERE).
https://www.fibrosicisticaricerca.it/domanda-e-risposta/quando-nel-sangue-aumenta-lanidride-carbonica-e-diminuisce-lossigeno/ (Lettura raccomnadata sull' insufficienza respiratoria ipossiemica normocapnica e sull' insufficienza respiratoria ipercapnica). Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica - Onlus - Italian Cystic Fibrosis Research Foundation - (presso Ospedale Maggiore, Piazzale Stefani, 1, 37126 Verona).
https://codenamejumper.wordpress.com/2020/05/13/studenti-morti-mentre-correvano-con-la-mascherina/.
https://7news.com.au/lifestyle/health-wellbeing/two-schoolboys-collapse-and-die-just-six-days-apart-in-china-while-wearing-face-masks-c-1017871.(Articolo originale sulla morte degli studenti cinesi a causa delle mascherine: "Two schoolboys collapse and die just six days apart in China while wearing face masks").
https://www.greenme.it/vivere/speciale-bambini/cinesi-morti-corsa-mascherina/.
https://palomanews.com/due-bambini-cadono-morti-in-cina-mentre-indossano-maschere-durante-la-lezione-di-ginnastica/.
https://www.orizzontescuola.it/mascherine-contro-coronavirus-accusate-di-essere-causa-morte-due-studenti/.
https://www.youtube.com/watch?v=r0jEa7xjfGw. (Le mascherine alla persona sana non servono a niente, servono alla persona malata e al personale sanitario". Lo ha sottolineato ripetutamente Walter Ricciardi, membro dell'Oms e consulente del ministro Speranza, nel corso della conferenza stampa con il commissario Borrelli alla protezione Civile. "Le mascherine di garza - ha ribadito - non servono a proteggere i sani, servono come misura di precauzione" per chi è malato e per i medici).